About

La leggenda dell’Estate di San Martino

Era l’11 novembre, un giorno piovoso e freddo tanto che
Martino cavalcava il suo cavallo avvolto in un mantello. Ad un
tratto, sul suo percorso, Martino incontrò un vecchio
mendicante coperto di stracci barcollante e infreddolito.
Martino voleva aiutarlo, ma non aveva denaro né una coperta
da offrirgli e così prese il suo mantello e con la spada lo tagliò a
metà donandone una parte al vecchietto. Poco dopo aver
compiuto questo gesto il clima si riscaldò e dalle nuvole spuntò
un sole radioso. Ecco “L’estate di S. Martino, come ancora oggi
vengono chiamate le belle giornate di novembre. La tradizione
riveste queste giornate di una grande importanza, erano giorni
di festa per tutto il popolo, si beveva il vino nuovo e si facevano
le fiere. Iniziava l’attività dei tribunali, delle scuole, c’erano le
elezioni e si pagavano gli affitti, chi non raggiungeva l’accordo
faceva “S. Martino” cioè traslocava in altri terreni. Riprendendo
lo spirito della tradizione la Bandabidù cerca di far rivivere il
“clima” di quelle giornate di novembre a Clusone.

 

La Bandabidù

Il Gruppo di amici Bandabudù, con il supporto del Gruppo Alpini di Clusone, cerca, come ogni anno, di allietarvi le fredde serate autunnali organizzando la festa de L’Estate di San Martino….

Annunci